Disturbo della Espressione del Linguaggio

espressione linguaggioLa caratteristica fondamentale del Disturbo della Espressione del Linguaggio è una compromissione dello sviluppo del linguaggio espressivo dimostrata dai punteggi ottenuti con misurazioni standardizzate, somministrate individualmente, dello sviluppo della espressione del linguaggio, che sono sostanzialmente inferiori rispetto a quelle ottenute con misurazioni standardizzate sia dell’abilità intellettiva non verbale che dello sviluppo della ricezione del linguaggio. Quando non siano disponibili strumenti standardizzati o appropriati, la diagnosi potrebbe basarsi su una valutazione funzionale globale delle capacità di linguaggio dell’individuo. Le difficoltà possono insorgere nella comunicazione che implica sia il linguaggio verbale che il linguaggio gestuale. Le difficoltà di linguaggio interferiscono con i risultati scolastici o lavorativi o con la comunicazione sociale. I sintomi non soddisfano i criteri per il Disturbo Misto della Espressione e della Ricezione del Linguaggio o per un Disturbo Pervasivo dello Sviluppo. Se sono presenti Ritardo Mentale, un deficit motorio della parola o un deficit sensoriale, o una deprivazione ambientale, le difficoltà di linguaggio vanno al di là di quelle di solito associate con questi problemi. Se sono presenti un deficit motorio della parola o un deficit sensoriale oppure una condizione neurologica, questi dovrebbero essere codificati sull’Asse III.

Le caratteristiche linguistiche del disturbo variano a seconda della sua gravità e dell’età del bambino. Queste caratteristiche includono un linguaggio limitato sul piano quantitativo, un vocabolario limitato, difficoltà ad imparare nuove parole, errori nel trovare le parole o nel lessico, frasi accorciate, strutture grammaticali semplificate, limitata varietà di strutture grammaticali (per es., forme verbali), limitata varietà del tipo di frasi (per es., imperative, interrogative), omissioni di parti importanti delle frasi, uso delle parole in un ordine insolito, e basso livello di sviluppo del linguaggio. Il funzionamento non linguistico (misurato con test di intelligenza basati sulle prestazioni) e le capacità di comprensione del linguaggio sono di solito nei limiti della norma. Il Disturbo della Espressione del Linguaggio può essere acquisito o di sviluppo. Nel tipo acquisito, la compromissione del linguaggio espressivo si manifesta dopo un periodo di sviluppo normale come conseguenza di una condizione neurologica o di un’altra condizione medica generale (per es., encefalite, trauma cranico, irradiazione). Nel tipo di sviluppo, vi è una compromissione della espressione del linguaggio che non è associata ad una lesione neurologica postnatale di origine conosciuta. I bambini affetti da questo tipo di disturbo spesso cominciano a parlare tardi e progrediscono più lentamente del normale attraverso le varie tappe dello sviluppo della espressione del linguaggio.

Manifestazioni e disturbi associati

La manifestazione più comunemente associata al Disturbo della Espressione del Linguaggio nei bambini più piccoli è il Disturbo della Fonazione. Vi può essere anche un’anomalia nella scorrevolezza e nella formulazione del linguaggio, che comporta una velocità eccessivamente elevata un ritmo irregolare dell’eloquio e anomalie nella struttura del linguaggio (“farfugliamento”). Quando il Disturbo della Espressione del Linguaggio è acquisito, sono comuni anche ulteriori difficoltà di eloquio che possono includere problemi di articolazione motoria, errori fonetici, eloquio lento, ripetizione di sillabe, tonalità e modalità di accentuazione monotone. Tra i bambini in età scolare, i problemi scolastici e di apprendimento (per es., il dettato, la copiatura, e la compitazione), che talvolta soddisfano i criteri per i Disturbi dell’Apprendimento, sono spesso associati con il Disturbo della Espressione del Linguaggio. Può anche esservi una lieve compromissione nelle capacità di ricezione del linguaggio, ma quando questa è significativa, si dovrebbe fare diagnosi di Disturbo Misto della Espressione e della Ricezione del Linguaggio. Sono frequenti una storia di ritardo nell’acquisizione delle tappe motorie fondamentali, un Disturbo di Sviluppo della Coordinazione, e l’Enuresi. Anche il ritiro sociale e alcuni disturbi mentali come il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività sono comunemente associati. Il Disturbo della Espressione del Linguaggio può essere accompagnato da anomalie EEGrafiche, da reperti anomali alle tecniche di visualizzazione cerebrale, da comportamenti disartrici o aprassici, o da altri segni neurologici.

Chiudi il menu