Il buio in sala. Il cinema incontra la psicoanalisi

Fiori nel male

Il male pervade il mondo e l’esistenza: poiché è dentro di noi, è anche fuori di noi e viceversa. Alla sua quinta edizione, Buio in sala affronta il tema soffermandosi non tanto sulle diverse forme nelle quali il male si manifesta o si nasconde quanto su alcune reazioni individuali o di gruppo.

Se per noi, eredi di Freud e di un “secolo cane lupo”, la presenza del male può essere tanto familiare da apparire banale; se non potremo mai più credere di esserne immuni; se abbiamo imparato a temere l’implacabile perseguimento del bene; se, come il vecchio professore di una poesia, abbiamo letto “troppi libri di storia” per immaginare un luminoso futuro, quello che ci sorprende è la possibilità di resistere, è l’illogico fiorire della bontà nei campi dell’orrore.

La psicoanalisi, pur conoscendo il peso della coazione a ripetere, ha fiducia nel cambiamento e nella vita che può essere più forte del destino.

In Bruges

Due killer professionisti sono costretti a una vacanza “riparatrice” nell’incantevole città di Bruges, in Belgio. Dovrebbero passare inosservati ma non sarà cosa semplice. Spumeggiante commedia nera che fa dei colpi di scena una carta vincente.

L’ultimo re di Scozia

Un giovane medico scozzese, inviato in Uganda, rimane affascinato dal feroce dittatore Amin Dada e ne diviene il medico personale. Memorabile interpretazione di Forest Whitaker, straordinario nel rendere l’ambiguità della follia coniugata al potere.

Il viaggio di Felicia

Sbarcata dall’Irlanda, Felicia cerca di rintracciare Johnny, il ragazzo del quale è innamorata. Incontra però Mr. Hilditch, che adora fare due cose: cucinare e dare una mano alle giovani donne in difficoltà. Un thriller che miscela i dolci panorami irlandesi ai risvolti morbosi tipici del cinema di Hitchcock, diretto con eleganza da Atom Egoyan.

Festen

In una grande tenuta nella campagna danese, fervono i preparativi per il sessantesimo compleanno del padrone di casa. Una festa di famiglia che volgerà in tragedia. Uno dei film antiborghesi più feroci degli anni Novanta. Asciutto e impeccabile.

Quattro minuti

Fra le mura di un carcere si incontrano un’anziana maestra di pianoforte e una giovane detenuta violenta e talentuosa. Due donne ferite che cercano una via d’uscita. Un grande film sul peso del passato, il senso profondo dell’educazione, il potere della musica.

DOVE
Tutte le proiezioni si terranno presso
il Cinema Auditorium Stensen
viale Don Minzoni 25/c – Firenze
PREZZI
Intero: € 6
Ridotto: € 5 (Studenti, Soci CPF ed altri)
Abbonamento non nominale: € € 25
A CURA DI STENSEN|CINEMA
Viale Don Minzoni 25/g – 50129 Firenze
Tel. 055/5535858
e-mail: cinema@stensen.org
Sito web: www.stensen.org
CENTRO PSICOANALITICO DI FIRENZE
Sezione Toscana della Societa’ Psicoanalitica Italiana
Stefania Nicasi
Via Francesco Puccinotti 99 – 50129 Firenze
E-Mail: centropsi.fi@dada.it
Sito web: www.spi-firenze.it
Nel Centro Psicoanalitico di Firenze è attivo un
servizio gratuito di consultazione
tel. 3663699751
e-mail: cpf@spi-firenze.it
Grafica: Michele Ruini
illustrazione: Luigi Galieni

Tutte le proiezioni

alle ore 21.00
Venerdì 2 ottobre
In Bruges
di Martin McDonagh (Gran Bretagna/Belgio 2008, 101’)
Interviene: Giuseppe Riefolo
Domenica 4 ottobre
In Bruges
di Martin McDonagh (Gran Bretagna/Belgio 2008, 101’)
Venerdì 9 ottobre
L’ultimo re di Scozia
di Kevin McDonald (Gran Bretagna 2006, 121’)
Interviene: Giovanni Foresti
Domenica 11 ottobre
L’ultimo re di Scozia
di Kevin McDonald
Venerdì 16 ottobre
Il viaggio di Felicia
di Atom Egoyan (Gran Bretagna/Canada 1999, 115’)
Interviene: Anna Ferruta
Domenica 18 Ottobre
Il viaggio di Felicia
di Atom Egoyan
Venerdì 23 ottobre
Festen
di Thomas Vinterberg (Danimarca 1998, 106’)
interviene: Paolo Meucci
Domenica 25 ottobre
Festen
di Thomas Vinterberg
Venerdì 30 ottobre
Quattro minuti
di Chris Kraus (Germania 2006, 112’)
interviene: Gilberto del Soldat.

Locandina dell’evento in pdf