Le ossessioni

Si dice che una persona ha delle “ossessioni” quando ha idee, pensieri, immagini mentali o impulsi che:

– si ripresentano insistentemente;
– giudica inaccettabili e insensati;
– riconosce come prodotti della propria mente;
– tenta di ignorare e allontanare in vari modi senza riuscirci.

Le ossessioni non sono affatto un fenomeno circoscritto a persone che soffrono di disturbi mentali, ma sono al contrario un’esperienza comune e frequente. Dall’80% al 95% delle persone le ha provate almeno una volta. Si considerano invece patologiche quando interferiscono molto con la vita quotidiana dell’individuo, ostacolandolo, per esempio, nel suo ruolo di studente, lavoratore o genitore; in questo caso si parla di disturbo ossessivo-compulsivo.

Sono collegate a stati di ansia, stress, solitudine e disforia “cattivo umore”. Più in particolare, quando si è ansiosi e sotto stress le ossessioni diventano più frequenti, mentre la disforia ne aumenta la persistenza ed è collegata con una riduzione della capacità di allontanare i contenuti mentali intrusivi sgradevoli e indesiderati e con una ridotta capacità di richiamare alla memoria ricordi con tonalità affettive serene e allegre.

Esistono alcuni temi ricorrenti nelle ossessioni, come i dubbi e gli scrupoli (per es., “Sarò riuscito a farmi capire?”), il bisogno di controllare a lungo e ripetutamente certe cose (per es., di avere chiuso bene il gas e le finestre di casa), l’idea del contagio e della contaminazione (per es., l’idea di avere contratto l’AIDS durante un rapporto sessuale non protetto) e gli impulsi considerati privi di senso o pericolosi o socialmente sconvenienti (per es., l’impulso di far male al proprio figlio).

Secondo March e Leonard (1996), nei bambini le ossessioni si concentrano in genere intorno ai seguenti argomenti: temi di contaminazione, pericoli per sé o per altri, temi aggressivi, temi sessuali, scrupolosità/religiosità, pensieri proibiti, bisogno di dire, chiedere, confessare una certa cosa.

Riferimenti bibliografici
March J.S. e Leonard H.L., Obsessive-compulsive disorder in children and adolescents: a review of the past 10 years, “Journal of the
American academy of child and adolescent psychiatry, 35, 1265-1273.
Sanavio E., Psicoterapia cognitiva e comportamentale, NIS, Roma, 1991.
Sanavio E., I comportamenti ossessivi e la loro terapia, Giunti, Firenze, 1978.

Articolo del Dott. Gabriele Lo Iacono
di Psicologia-editoria.eu

Chiudi il menu