San Salvi da ospedale psichiatrico a sede del Dipartimento di psicologia

dipartimento psicologia firenzeInteressante la scelta del comune di Firenze per la nuova sede per il Dipartimento di Psicologia dell’ateneo fiorentino. Il Dipartimento si trasferisce al nuovo indirizzo, dove è già operativo, dalla sede di Palazzo Vegni, in via San Niccolò.

Si trova nell’area di San Salvi, sede dell’ex ospedale psichiatrico fino alle legge Basaglia del 1978, a poca distanza dal complesso di via della Torretta dove si svolgono le attività didattiche della facoltà di Psicologia e dove si trova anche la presidenza.

Inaugurato ufficialmente nel 1891 (fu trasferito dall’ O.P. San Bonifazio di San Gallo), l’ospedale psichiatrico fu intitolato al grande medico Vincenzo Chiarugi, figura di primo piano nell’ambito della psichiatria fra Settecento e Ottocento. L’ospedale di San Salvi, progettato per rispondere alle tendenze che emergevano nella psichiatria del tempo, sostituiva le storiche, ma ormai inadeguate strutture fiorentine. Il progetto nacque da una stretta interazione fra il progettista Giorgio Roster e gli psichiatri Tamburini, Grilli, Pellizzari: ne derivò una struttura a villaggio, costituita cioè da vari padiglioni.

Gli edifici dell’ospedale furono distribuiti all’interno di un ellisse: sull’asse maggiore, a ovest, si trovavano le strutture mediche maschili, a est quelle femminili. Le due strutture erano collegate da corridoi terrazzati e gallerie sotterranee. I pazienti erano ospitati nei seguenti padiglioni: Tranquilli; Infermi e Paralitici; Semiagitati, Sudici ed Epilettici; Agitati; Pensionario; Sezione Piccoli Paganti.

I servizi di amministrazione (direzione), gestione e funzionamento (cucina, lavanderia, generatore dei vapori) e di culto (come la chiesa) furono ubicati sull’asse minore dell’ellisse. Attorno agli edifici fu creato un grande parco. 32 ettari per 20 padiglioni.

Nel 1895 fu realizzato il laboratorio scientifico. Dal gennaio del 1918 fu qui ricoverato il grande poeta Dino Campana, che vi rimase per ben quattordici anni.

Due affermati fotografi italiani, Carla Cerati e Gianni Berengo Gardin, nel 1968 documenteranno in un agghiacciante reportage fotografico la situazione di San Salvi, ‘immagini dure di donne e uomini prigionieri, incarcerati, legati, puniti, umiliati, ridotti a sofferenza e bisogno’.

La nuova collocazione del dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze è proprio a San Salvi nel padiglione 26, un tempo direzione dell’ospedale psichiatrico: un palazzina di tre piani nel corpo centrale e di due nelle ali, dove troveranno spazio laboratori, aule di studio, stanze per i docenti, sala di lettura e deposito della Biblioteca di Psicologia. Da sottolineare che nel padiglione di San Salvi ha già collocazione lo storico fondo librario “Vincenzo Chiarugi”.

Il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Firenze, diretto dalla prof.ssa Maria Pia Viggiano, può vantare una storia illustre: discende, infatti, dal Laboratorio di Psicologia Sperimentale, fondato presso il Regio Istituto di Studi Superiori nel 1903 da Francesco De Sarlo e considerato il primo importante centro italiano in questo campo. Al Dipartimento fanno capo, inoltre, la Scuola di Dottorato in Psicologia, due master e numerosi corsi di perfezionamento, in stretta relazione con l’attività di ricerca svolta presso dieci laboratori specializzati nelle varie aree della psicologia, dalle neuroscienze cognitive alla psicologia dello sviluppo, dalla psicologia sociale e del lavoro alla psicologia dinamica e clinica e alla psicopatologia.

Già da diversi anni l’area di San Salvi ospita diverse iniziative culturali con programmi estivi, iniziative, cinema, spettacoli organizzate dai Chille de la Balanza.

Lo stesso Simone Cristicchi, portò le sue canzoni nell’ex ospedale psichiatrico di Firenze, completamente riconvertito ad altri tipi di attività, all’interno degli eventi legati al mese della salute mentale organizzato dal Comune di Firenze.

Fonte: Unifi.it

Chiudi il menu